Cerca Prestiti

Genova, Via Eridania, 7, 16151 Tel: 0108592700
Pordenone, V. De Paoli, 9, 33170 Tel: 0434241457

Prestiti Notizie

Nessun content

Austria insiste sulla costruzione del muro, ma la Commissione UE è contro

L’Austria sembra voler proseguire per la sua strada e rimanere ferma sull’idea di innalzare un muro al confine del Brennero, dopo quello già realizzato lo scorso inverno con la Slovenia.

L’obiettivo è quello di costruire dei “filtri anti-migranti” anche tra i Paesi confinanti rimasti e causa dell’incredibile afflusso di immigrati, che, in ogni caso, si è notevolmente ridotto proprio con la barriera innalzata tra Austria e Slovenia.

 

Non è ancora stata fissata la data di inizio dei lavori, nonostante sia già stato preparato il terreno per innalzare il muro. Sembra, comunque, che a Vienna si voglia vengano conclusi entro circa due mesi.

 

Sono tante le polemiche scoppiate contro l’Austria dopo l’annuncio che avrebbe costruito un muro anche al confine del Brennero per impedire l’afflusso di migranti provenienti dall’Italia.

 

Ciò che ha fatto prendere allo Stato questa decisione è la chiusura della rotta dei Balcani, che, se da un lato dovrebbe rappresentare un cambiamento in positivo, riducendo drasticamente il numero di immigrati provenienti dal Medio Oriente, è certo che aumenterà quello proveniente dalla Libia e diretto verso le coste italiane. Abbiamo già potuto vedere i primi risultati in questi giorni, dove si è, effettivamente, parlato di un incremento nel numero di sbarchi.

 

Allora, la domanda che sorge a questo punto è: Vienna ha veramente tutti i torti a voler innalzare un muro per impedire di fare la fine dell’Italia? Probabilmente non esiste una risposta che metta tutti d’accordo, ma il punto centrale della situazione è che lo Stato austriaco ha optato per questa decisione poiché l’Italia non sembra voler adottare delle misure di sicurezza contro i migranti.

 

Certo è che il problema non è di un singolo stato, e non deve essere tale: bisognerebbe riuscire a trovare una soluzione europea, di concerto, che possa mettere d’accordo i singoli stati e risolvere il problema una volta per tutte.

Altre Notizie Correlate

Calo prezzi delle case nel 2015 secondo i dati Istat

L’Istat ha registrato l’andamento degli immobili riguardante il 2015, ...

Prestiti Poste Italiane con PostePay senza busta paga

Anche nel 2015 ritorna l'offerta di poste italiane il prestito ...

500 euro in più non solo ai 18enni italiani ma anche stranieri

Qualche tempo fa, era stata fatta la proposta di dare ...

Miliardi di euro sprecati dagli enti pubblici, e a noi chi ce li rimborsa?

Il motivo delle tasse elevate e dei servizi scadenti? Una ...

Nuova legge sui mutui: sequestro dell’immobile se non viene saldato il debito

È stata approvata la nuova legge sui mutui, secondo cui, ...

Istat: occupazione in crescita, economia positiva

Arrivano dei dati Istat secondo cui l’economia del Paese starebbe ...

Cerca Agenzie

Penne, Via Circumvallazione Moro 25, 65017 Tel: 0858278386
Prato, Via Valentini Giuseppe, 57, 59100 Tel: 0574527528
Cava De' Tirreni, Corso Mazzini Giuseppe, 227, 84013 Tel: 089468550
Rimini, Via Flaminia, 175/A, 47923 Tel: 0541660015