Cerca Prestiti

Sedegliano, Piazza Roma, 27, 33039 Tel: 0432916018
Sulmona, Via Montenero, 61, 67039 Tel: 0864210834

Prestiti Notizie

Nessun content

Entra in vigore il nuovo Codice appalti

Lo scorso lunedì 18 aprile è entrato in vigore il nuovo Codice appalti, con sottili ma importanti cambiamenti che, il Primo Ministro, promette far parte di un grande passo per migliorare l’Italia. Che sia vero oppure no questo è ancora tutto da vedere, nel frattempo ha annunciato ciò che caratterizzerà questo nuovo Codice presso una conferenza stampa tenutasi a Palazzo Chigi, finalizzata proprio alla sua presentazione.

Secondo quanto affermato dal Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, questo rinnovato Codice degli appalti si promette un primo passo in avanti per migliorare il nostro Paese e sbloccare nuovi lavori.

 

Questo quanto detto da lui durante la conferenza, il quale ha anche aggiunto, in parole povere, che sarà più semplice, con meno norme, sarà dedicata una parte importante alla lotta contro la corruzione e, in merito a questo, si riparlerà di Anac, mettendola maggiormente in risalto.

 

Insomma, il motto di Renzi per questo nuovo Codice appalti è di “snellirlo” e renderlo il più semplice possibile, poiché, da quanto ha dichiarato, il modo giusto per combattere la corruzione è affidarsi a meccanismi facili e non complicati come erano in precedenza.

 

Sono stati proprio questi i punti fondamentali della decisione presa dal Primo Ministro. In questo sarà fondamentale il ruolo della Anac, a cui il Premier promettere di fornire tutti gli strumenti necessari per rendere effettiva la sua lotta alla corruzione.

 

Matteo Renzi ha anche evidenziato di come siano lunghi, fin troppo, i tempi in Italia per realizzare un’opera pubblica, prendendone, inoltre, circa un terzo di questi sprecati in burocrazia.

 

Un qualcosa definito da lui stesso come “allucinante” e che va assolutamente cambiato: d’altronde, i tempi morti legati alla burocrazia sono di oltre 1/3 su quelli complessivi dei lavori.
Ovviamente l’opposizione non si è fatta attendere, con il ministro Graziano Delrio che ha detto come il codice appalti non è la soluzione giusta per risolvere questo problema.

Altre Notizie Correlate

Prestiti personali per i giovani, come richiederli?

I Prestiti personali negli anni hanno assunto nuove forme e ...

La crisi della Cina può diffondersi ai mercati emergenti

Mentre eravamo tutti impegnati a capire “Grecia dentro, Grecia fuori”, ...

Trento: borse di studio e prestiti d'onore nel 2015

La Giunta provinciale di Trento ha stanziato un fondo di ...

Come risollevare l’economia dell’Europa secondo il Governo

Il Governo, in concomitanza con il secondo anniversario dall’ascesa di ...

500 euro in più non solo ai 18enni italiani ma anche stranieri

Qualche tempo fa, era stata fatta la proposta di dare ...

Consiglio europeo: troppi in questo mese e il Premier parla in Aula

Il primo ministro Matteo Renzi spende qualche parola per parlare ...

Cerca Agenzie

Potenza, Via Edilizia, 13, 85100 Tel: 097155441
Castellammare Di Stabia, Via Principe Amedeo, 53, 80053 Tel: 0813945111
Gallipoli, V. D'Elia, 10, 73014 Tel: 0833262691
Novara, Via Ranzoni Daniele, 1, 28100 Tel: 0321457068